Scopri le ultime storie

1/5 Amedeo, La scuola di Sinablana

“L’ultimo anno, quando io partii per Bolzano, eravamo solo cinque alunni. Avevano costruito la scuola elementare per i bambini di Sinablana perché il sentiero era troppo lungo..."

2/2 Amedeo, i militari

“Sparavano all’incirca per due settimane, un giorno si e un giorno no, tranne la domenica. Due volte all’anno, in giugno e a fine ottobre. I primi anni si doveva sgomberare, poi..."

1/2 Amedeo, i militari

“All’inizio degli anni ’60 arrivarono i militari, volevano costruire una strada. Noi eravamo ben felici perché una strada avrebbe fatto comodo a tutti. Poi scoprimmo il loro vero intento..."

Le stagioni al maso, Amedeo

“Nel ‘51, quando i miei si sono sposati, cadde talmente tanta neve che uscivano di casa da quella finestra. Sarà stata alta 6 o 7 metri. In quelle condizioni ti sentivi un topolino..."

Un buon miscuglio, Lauregno

“Con tutti i muri che si stanno costruendo nel mondo, per proteggersi dal diverso, dall’estraneo e dallo sconosciuto, io sono decisamente un caso in controtendenza..."

Il salvataggio, susina di Dro

"Vivo a Dro dalla metà del 1400. Non io personalmente, sia chiaro. Io sono di quest’anno e fra qualche giorno sarò caduta a terra. Parlo della mia specie..."

3/3 Il dito mignolo, Vittorio

“Era il ’57 ed ero un solo un ragazzo. Portavamo la legna a valle con la teleferica. Io stavo a monte ed ero d’accordo con Graziano che avrei dato tre colpi sulla corda, quando fossi stato pronto..."

2/3 Sandrino, Vittorio

“Era intorno alla metà degli anni ‘20 e Sandrino era il più giovane del gruppo, avrà avuto 14 anni. Mio padre e i suoi colleghi lo facevano stare nella miniera con loro..."

1/3 Mio padre, Vittorio

“I miei sono originari di Bergamo. Mio padre Luigi era un esperto tagliatore di pietra cote, che sono pezzi di arenaria tenera composta da quarzi duri con cui i contadini affilavano le falci..."

Il vecchio dinosauro, la Catena del Baldo

"Guardate una montagna, la vedete ferma e immobile accogliere e nutrire tutte le forme di vita che la ospitano come una grande e silenziosa mamma. Inconsciamente la pensate lì da sempre..."

La nascita del teatro civile, Dino

"Agli inizi degli anni ‘90 Drodesera esisteva già da 10 anni, ma era ancora un festival di teatro che prendeva vita in paese, a Dro. La gente ospitava gli artisti nelle loro case..."

6/6 Cadere a volte ti salva la vita, Danny

"Adesso riesco a raccontare le mie debolezze e la mia eterna insicurezza non solo a mia moglie, ma anche agli altri. Non mi vergogno più di espormi, di aprirmi, e questo vale anche per gli aspetti positivi..."

5/6 Cadere a volte ti salva la vita, Danny

"L'infortunio è stata una possibilità di crescita, è stato quasi un bene, una cosa che mi ha salvato dalla morte. E questo vale per un sacco di altri traumi, piccoli o grandi che siano..."

4/6 Cadere a volte ti salva la vita, Danny

"Ora è tutto diverso: sono ancora egocentrico e farei di tutto per apparire (mi sono sposato in kilt, tanto per dirne una), però adesso lo so gestire: a volte quando passeggio sento il mio ego camminarmi a fianco..."

3/6 Cadere a volte ti salva la vita, Danny

"Dopo l’incidente precipitai una seconda volta, dentro me stesso. Mi ero sfasciato il corpo, ma prima ancora la mente. Fino a quel momento la mia vita era stata l’arrampicata..."
Load More
Fail to load posts. Try to refresh page.

Ricerca le tue storie

Vai alla mappa

Ricerca le tue storie

Vai alla mappa